Regalare Parole, Regalare Figure

DOMANI A MILANO UNA VENDITA MOLTO SPECIALE

20 buone ragioni per regalare un libro ad un bambino

Un anno fa, nella giornata di Santa Lucia 2012, la casa editrice Topipittori pubblicava sul suo blog un articolo che ha continuato a rimbalzare, di mamma in mamma, di blog in blog, di bacheca in bacheca, fino a questo dicembre: era un post dedicato alle venti buone ragioni per regalare un libro ad un bambino.

Anche io avevo colto l’occasione per elencare le mie venti buone ragioni: ognuno di noi, del resto, può trovare le proprie.

Quelle venti buone ragioni sono diventate venti cartoline che ho avuto l’opportunità di acquistare mesi fa in una libreria milanese molto speciale, Spazio B**K, nel cuore del Quartiere Isola (ne ho parlato in questa occasione). Ora, le venti, decorano la camera di Pietro, ricordandomi il prezioso dono che offro a mio figlio regalandogli storie, illustrazioni, parole.

In questi giorni Topipittori è tornata a parlarne in un articolo che vi segnalo per due motivi:

– il primo è che presenta i dati, nudi e crudi, di una recente indagine svolta sul territorio italiano sui bambini sotto i due anni: a questa età, un bambino nato in una famiglia povera sente ogni giorno in media 670 parole a lui dirette, mentre un bambino nato in una famiglia benestante, ne sente fino a 12 mila.

C’è una forte correlazione fra la ricettività del vocabolario dei più piccoli e le capacità di lettura dei ragazzini, perché chi sente più parole è in grado di capire più velocemente, accumula un vocabolario più ampio e farà meno fatica a imparare a leggere e a scrivere.

Regalare parole ai bambini significa quindi regalare a loro un futuro più solido, più creativo, più ricco;

– il secondo è per rivolgervi un invito. Perché leggere i dati di una indagine e trarre tre conclusioni in croce non basta più a nessuno.

E’ per questo che la casa editrice Topipittori si è mossa e ha organizzato, in collaborazione con la libreria Spazio B**K, una vendita benefica finalizzata a costituire biblioteche scolastiche per le scuole dell’infanzia site in zone disagiate di Milano.

Sabato 14 dicembre, dalle ore 17,30, presso lo Spazio B**K, verrà presentata la mostra degli originali della collana Pippo, con la partecipazione di Guido Scarabottolo, Marta Sironi e Francesca Zoboli: la mostra Pippo non lo sa, la vera e propria vendita benefica inizierà alle ore 18 presso lo Spazio A! (che si trova a soli cinquanta metri dalla libreria).

Sono ben 300 le illustrazioni sono messe in vendita al prezzo di 5 euro: gli autori sono diversi, alcuni illustratori molto noti, altri alle prime armi, e hanno preso parte anche bambini, famiglie, scolaresche. Si sceglie, si paga e si porta a casa.

Le opere sono messe in vendita in forma anonima: solo tra qualche giorno sarà possibile scoprire di chi si è acquistato il disegno. Infatti da lunedì 16 dicembre verrà aperta una galleria Flickr con tutti i disegni partecipanti e l’indicazione degli autori

La presente vale come invito: se siete a Milano domani, non perdetevi questo appuntamento, per ricordare di regalare parole e anche figure ai futuri cittadini d’Italia.

La libreria Spazio B**K si trova in via Porro Lambertenghi 20, mentre lo Spazio A! è in via Pollaiuolo, 3: il Quartiere Isola è raggiungibile con la MM2 Porta Garibaldi e la MM3 Zara.

4 thoughts on “Regalare Parole, Regalare Figure

  1. Ciao! Che bella iniziativa!
    Ho messo un link a questo post nel mio blog: mi dispiace solamente di averlo letto tardi e l’iniziativa di sabato è andata perduta.
    Grazie, come sempre, per quello che scrivi.

    • Mi spiace, anche io effettivamente l’ho scritto tardi: mi accorgo che è difficile stare dietro a tutto, anche se il desiderio di non perdere nulla per strada resta forte.

      Spero ci saranno nuove occasioni e nuove iniziative di questo tipo.

      Un abbraccio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *