Il Prossimo Passo

 il prossimo passo

Ogni tanto capita di trovare persone che sanno dire molto meglio di noi quel che noi sentiamo dentro, proprio quello che abbiamo nel nostro più profondo, nell’intimo, in quel posto che crediamo non sia accessibile a nessuno tranne che a noi.

Oggi ho trovato questo signore che si chiama Vincenzo Costantino ma che è noto come Cinaski , che di professione fa il poeta bardo e che, non so come sia potuto succedere, sa esattamente cosa c’è in me, in quel posto intimo e profondo che io credevo solo mio.

Continue reading

Ten US Dollars

STEPHEN KING IS THE KING

dieci dollari

 

Settimana scorsa ho partecipato a una cosa che fa l’azienda per cui lavoro e che si chiama Management Forum: duegiornidue trascorsi in un fondo vitivinicolo nel cuore del Veneto, a parlare di strategia, di piani triennali, di tutti gli algoritmi che contano, guidano, portano, indicano cose da comprare, ogni informazione condivisa che come una divisa ti rassicura e ti fa rassicurare(*). E ad assaggiare vini.

E’ proprio vero che se devi fare una cosa importante devi farla in cantina. Funziona, ve l’assicuro (lo so, è una espressione che dico spesso). Continue reading

Che il 2015 sia un Cielo Stellato

DICEMBRE, SOLO COSE BELLE #31

Notte stellata di Vincet Van Gogh

 

Vincent Van Gogh oltre a dipingere scriveva tantissimo, come ho già avuto modo di notare poco tempo fa.

Questo è lo stralcio di una delle tantissime lettere scritte al fratello: parla di stelle, quelle che dipinse in uno dei suoi capolavori: Continue reading

Arriverà in volo

DICEMBRE, SOLO COSE BELLE #24

20141224-210623.jpg

– Sarà già partito, Babbo Natale?

– Certo che è già partito, Pietro. E non appena noi ci infiliamo nei letti, lui arriverà in volo.

– Ma glielo hai detto che siamo dalla nonna?

– Certo. Lo sa che siamo qui, stai tranquillo. Adesso andiamo a letto?

– Aspettiamo ancora un po’ mamma. Magari vediamo una renna.

***

La notte della vigilia di Natale. La mia ventiquattresima cosa bella di dicembre.

Bigliettini per Aspiranti Scrittori

DICEMBRE, SOLO COSE BELLE #2

Bigliettini per aspiranti scrittori

Ad aprile, in uno di queli luoghi di Milano che sono il cuore della città, della città che piace a me, in Scighera, in Bovisa.

Con persone che avevo conosciuto da poco eppure avevo già capito che ci avrei fatto insieme un bel pezzo di vita.

Persone che, per fortuna, sono ancora con me, e so che ci resteranno ancora per tanto tempo. Nonostante me. Continue reading

Raccontare la Città secondo Gianni Biondillo

UN INCONTRO FORTUNATO GRAZIE A RESPIRARE PAROLE

Gianni Biondillo

A fine novembre (sì, ben quattro mesi fa, una vita fa) ho partecipato ad alcuni incontri organizzati dal Comune di Milano e da Letteratura Rinnovabile per il ciclo Respirare Parole.

Uno di questi era un laboratorio di scrittura tenuto da Gianni Biondillo e dedicato al tema raccontare la città. Vi racconto come è andata.

Continue reading

***Cose da Copiare***

VI SVELO LA MIA PASSIONE PER 007 DI IAN FLEMING

Le prime edizioni delle storie di James Bond di Ian Fleming  in una collezione privata

Sei una donna e James Bond ti piace. E parecchio.

Uno dei pochi (uno dei due, per la precisione) film che sei riuscita a vedere al cinema lo scorso anno, in una sala buia, schermo avvolgente e acustica perfetta, è stato Skyfall.

Trovare un giovane James che si rivela da subito una combinazione di stanchezza, noia, depressione e difficoltà con quello che ha scelto di fare per vivere non ti ha perplesso, ti ha rassicurato.

Perché è proprio così che tu lo hai sempre immaginato (film a parte). Continue reading

Pochi Pregiudizi, siamo Lettori

DORIS LESSING E LE SCOPERTE ADULTE

Intervista con Doris Lessing edizioni Minimum Fax Macchine da Scrivere

 

Doris Lessing è oggi una delle mie autrici preferite, ma per arrivare a conoscerla ho dovuto infrangere diversi pregiudizi. Tutti miei.

Non ho letto tutta la sua produzione letteraria e forse non riuscirò mai a farlo: è un’autrice molto profilica, ha scritto opere di generi letterari diversi tra loro, alcuni dei quali effettivamente non attirano il mio interesse.

Comunque, per tornare ai miei pregiudizi, ho iniziato a leggerla solo nel 2007, dopo l’attribuzione del Nobel per la Letteratura. E non ditemi che considerate il Nobel un premio come un altro. Continue reading