A Te che te ne vuoi Andare

Italiani che emigrano dopo le elezioni politiche 

In mattinata ho litigato (discusso mi sembra troppo poco) con tre persone.

E non per i risultati delle elezioni, ché sono sempre del parere di Voltaire (sì, anche se con gran fatica a volte): secondo me, in una democrazia, ognuno resta libero di votare per chi crede (e libero di continuare a prendere le stesse cantonate per vent’anni).

Quello che mi disturba, e tanto, è questa cosa del io parto, me ne vado,  del non voglio fare crescere i miei figli in questo Paese e del facciano quello che vogliono, io vado all’estero.

Ecco, io non credo che tutti coloro che hanno deciso di espatriare e di vivere all’estero lo abbiano fatto in segno di resa, ma chi lo progetta ora, nell’attuale contesto, mi fa immensamente incazzare.

Continue reading

La Torre di Babele

CONCLUSIONI DEL MANIFESTO PER RIPRENDERSI LA CULTURA

 

L’iniziativa lanciata esattamente otto settimane fa per la creazione di un Manifesto per riprendersi la cultura mi ha permesso di conoscere molte persone che hanno contribuito ad approfondire tematiche che ritengo molto interessanti.

Come è venuto il Manifesto? Assomiglia alla Torre di Babele.

 

Continue reading